Omeostatic ti aspetta a Roma in via G. M. Lancisi, 31

c/o Studio Medico Associato Lancisi Physio

info@omeostatic.it

Patologie Neurologiche - Deficit Nervi Cranici

I Nervi Cranici sono strutture nervose pari e simmetriche che originano all’interno del cranio e precisamente da dei nuclei posti a livello del tronco dell’encefalo, una struttura del Sistema Nervoso Centrale posta al di sotto degli emisferi cerebrali.

Sono 12 paia e seguono una numerazione romana a partire da quello posto più in alto:

  • I° - Nervo Olfattivo
  • II° - Nervo Ottico
  • III° - Nervo Oculomotore
  • IV° - Nervo Trocleare
  • V° - Nervo Trigemino
  • VI° - Nervo Abducente
  • VII° - Nervo Facciale
  • VIII° - Nervo Vestibolo-Cocleare
  • IX° - Nervo Glosso-Faringeo
  • X° - Nervo Vago
  • XI° - Nervo Accessorio
  • XII° - Nervo Ipoglosso

Possono andare incontro ad una serie di problematiche che ne compromettono la funzionalità e i segni e sintomi dipendono dal nervo cranico colpito, dal grado di compromissione, dal livello anatomico (cioè il punto esatto in cui il nervo è colpito) e da altre condizioni patologiche pre-esistenti.

La sofferenza di questi nervi può dare segni motori e sensitivi;

i segni motori sono tipicamente di due tipi:

  • da deficit di forza/reclutamento
    paresi o paralisi di muscoli superficiali e più profondi o della mimica facciale
  • da facilitazione/iper-attivazione
    i muscoli innervati dal nervo cranico disfunzionale divengono in qualche modo “iperattivi” e questa iperattività si può tradurre in problemi secondari aggravati dallo stesso ipertono muscolare (vedi Cefalee di tipo tensivo, Disfunzioni Temporo Mandibolari, Cervicalgia, Spalla dolorosa).

I segni sensitivi sono tipicamente il dolore e la presenza di altri disturbi della sensibilità come formicolii, acufeni, disestesie o iperestesie ecc.
Alcuni dei dodici Nervi Cranici vanno più facilmente incontro a insulti di varia natura, si pensi per esempio al Nervo Trigemino o al Nervo Facciale:

V° NC - Nervo Tigemino

I sintomi come il dolore possono accompagnarsi a segni motori di deficit/facilitazione. Dalla “Nevralgia del Trigemino” condizione prevalentemente dolorosa che coinvolge i territori di innervazione sensitiva del V°NC sull’emivolto omolaterale (fronte e arcata sopraccigliare, mandibola mento e guancia) si passa a problemi meno distrettuali legati ad alterazioni del tono muscolare; pensiamo per esempio ai muscoli della masticazione come il muscolo massetere o i muscoli pterigoidei; pensiamo al bruxismo, al “click” mandibolare o ancora al “senso di tensione” a livello delle tempie, zona quest’ultima del muscolo temporale.

VII° - Nervo Facciale

Il nervo facciale, di tutti i nervi, è quello il quale, affetto da una patologia, dà una sintomatologia che impressiona e preoccupa più di ogni altra condizione a causa delle alterazioni simmetriche del volto che ne derivano, cambiando l’espressione e la capacità di relazionarsi con gli altri, essendo la mimica facciale una possibilità comunicativa talora più immediata e più eloquente di qualsiasi espressione verbale.
Remo Palladino, Diagnosi e trattamento delle paralisi del Nervo Facciale, 2011

Altri Nervi che spesso ci troviamo a dover valutare ed eventualmente “trattare” sono:

  • il gruppo dei Nervi Oculo-Motori III°, IV° e VI°
    Per la loro responsabilità nella genesi di turbe della coordinazione visiva.
  • l’undicesimo Nervo Cranico (XI° - Nervo Accessorio)
    per la sua responsabilità nei disordini del tratto cervicale e della spalla.
  • Il dodicesimo Nervo Cranico (XII° Ipoglosso)
    Per la sua responsabilità nella genesi di problemi a carico della motricità della lingua.